06 novembre 2017

Lucca Comics & Games 2017: la fantasia al potere

Non è facile descrivere una grande manifestazione (240 mila biglietti venduti in cinque giorni), che è contemporaneamente una festa, una gigantesca mostra interattiva e un'occasione (spesso unica) per sentire dal vivo una varietà di autori di altissimo livello, da Robert Kirkman (The walking dead) a Licia Troisi. In una parola un grosso evento culturale. Ho detto culturale?
Sì, ne sono sono convinto: Lucca Comics & Games è un evento culturale.
Perché Cultura - come ha scritto Giacomo Brunoro su Sugarpulp Magazine il 4 novembre 2013- «è anche il giocare, Cultura è riflessione consapevole sul mondo, Cultura è una visione che unisce passato, presente e futuro, Cultura è evoluzione, Cultura è divertimento, Cultura è anche un disegnatore che passa le sue giornate ad incontrare i suoi lettori e a disegnare per loro, Cultura è un bagaglio di esperienze, di saperi e di conoscenze che vengono condivise, è un flusso continuo e vivo di energie, di persone, di vitalità.»
Di sicuro posso testimoniare tre cose: il clima sereno (mai vista tanta gente allegra tutta insieme), l'organizzazione impeccabile (tutto sembra pensato con cura), la ricchezza della proposta (mostre da vedere, seminari da ascoltare, videogame da provare, cosplay da esibire).
Ma c'è un altro aspetto che vorrei evidenziare: la qualità del pubblico. E non solo, come scrivevo prima, per la sua allegria. Per me la qualità del pubblico la esprime anche la sua capacità di assorbire un grande numero di fasce d'età, con proposte diversificate.
Inoltre quello di Lucca mi sembra l'unico festival italiano autenticamente internazionale e realmente multimediale (dove con multimediale intendo una molteplicità di mezzi espressivi che raramente si incontra altrove).
La 51ª edizione di Lucca Comics & Games sarà ricordata anche per l'annuncio, da parte del Comune di Lucca e della società che organizza l'evento (Lucca Crea srl), del Lucca Expo Comics Museum: un nuovissimo museo del fumetto che sarà anche un luogo di sviluppo della creatività
Per la realizzazione di questo progetto l’amministrazione comunale può contare su 7 milioni di euro per realizzare un progetto si sviluppa attorno alle esposizioni (permanenti e temporanee), uno spazio autori, un’area di lavoro attrezzata, una foresteria e uno spazio di aggregazione accessibile anche senza biglietto.
E pensare che tutto è nato (come me) nel 1965, con il Salone internazionale dei comics, del cinema d’animazione e dell’illustrazione (prima a Bordighera e un anno dopo a Lucca.
Oggi Lucca Comics and Games, per impatto economico, presenze e biglietti venduti (56 milioni di euro solo da questa voce, nel 2016, contando vitto, alloggio, acquisti all'interno e all'esterno) è una delle principali manifestazioni europee dell’intrattenimento.
Intanto si pensa già al futuro: sono pronte le date per l'edizione 52, da mercoledì 31 ottobre a domenica 4 novembre 2018.  



Andrea Mameli, blog Linguaggio Macchina, 6 novembre 2017

Nessun commento: